Nuovo look per l’Università La Sapienza di Roma

Nuovo look in vista per l’Università La Sapienza, di Roma. L’istituto sta infatti per rinnovarsi grazie all’ottenimento di un finanziamento della Banca Europea degli Investimenti (Bei), in grado di coprire il 75 per cento del progetto di riqualificazione dell’Ateneo: un totale di quasi 115 milioni di euro da fonte Bei, cui si aggiungono altri 38 milioni di euro messi a disposizione dalla stessa Università per un totale di quasi 153 milioni di euro di investimento, utilizzabili per poter dare un nuovo tocco di modernità all’interno e all’esterno della Città Universitaria.

Come intuibile, particolarmente lieto della novità è il rettore Eugenio Gaudio, che sulle pagine del quotidiano Il Corriere della Sera ha rammentato come “per l’Università più grande d’Europa è il finanziamento più cospicuo mai concesso dalla Bei ad un ateneo italiano: significa che il nostro progetto di riqualificazione è stato ritenuto valido e che viene premiata una politica amministrativa virtuosa che ha trasformato la Sapienza in un partner credibile”.

Per quanto concerne le caratteristiche del finanziamento, lo stesso prevede un tasso fisso dell’1,4 per cento, con una rata semestrale di importo fisso dal quinto anno in poi, di poco più di 4 milioni di euro. Un importo comunque non elevatissimo, se si tiene conto che ogni anno vengono spesi 24 milioni di euro solo per la manutenzione, e che la riqualificazione permetterà di razionalizzare i costi (anche) mediante la realizzazione di impianti ad alto risparmio energetico.

Per quanto riguarda invece la tempistica, il piano di ristrutturazione prevede interventi nel triennio 2019-2021, ma qualche progetto è in realtà già stato avviato. Tra gli interventi più ambiziosi, anche la ristrutturazione del grande scalone monumentale del Palazzo del Rettorato, a un costo di circa 2,5 milioni di euro, con fine lavori per il 2020.

Soddisfatti anche gli studenti dell’istituto, che quest’anno hanno superato quota 114mila unità, confermandosi così come ateneo più grande d’Europa. Un ateneo dalle grandi dimensioni, che tuttavia necessita di un pronto rilancio anche a livello internazionale, garantendo ad esempio corsi in lingua e nuove attività e iniziative che possano permettere di incrementare la possibilità di poter proficuamente attirare sempre più studenti dal resto del mondo. In tal senso, l’ammodernamento (anche estetico e funzionale, e non solo di programma) dell’Università La Sapienza appariva non più rinviabile. E voi che ne pensate? Avete studiate in questo ateneo? Come vi siete trovati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi