Corruzione all’Università: ecco le dichiarazioni di Cantone

apple-256261_960_720Il presidente dell’Autorità nazionale dell’anticorruzione ha recentemente dichiarato che il proprio ente è “subissato da segnalazioni” relative a casi di corruzione e scarsa trasparenza in ambito universitario. Segnalazioni che riguardano principalmente i concorsi, e che accendono nuovamente l’attenzione su un vecchio mantra: siamo sicuri che non vi sia alcuna relazione tra la fuga dei cervelli e la corruzione tra gli istituti universitari nazionali?

Per il responsabile dell’Anac, non vi sono dubbi: la risposta è positiva. Tant’è che Cantone dichiara apertamente che quello della corruzione è un sistema anticoncorrenziale che nega spazi all’innovazione e al merito. Per questo motivo, da Firenze, dove era intervenuto qualche giorno fa, Cantone ha annunciato ” linee guida ad hoc, che non vogliono burocratizzare, ma provare a consentire l’esercizio della discrezionalità in una logica in cui la discrezionalità però non diventi arbitrio”, regole che servono a dar conto ai cittadini, “a tutti i cittadini, perché l’università è il nostro futuro”.

Ancora, Cantone punta il dito accusatorio contro la riforma Gelmini, contestato provvedimento di riforma universitaria. “Non voglio entrare nel merito, non ho la struttura né la competenza” – ha infatti dichiarato il presidente Anac – “ma la riforma Gelmini secondo me ha finito per creare più problemi di quanti ne abbia risolti. Per esempio, ha istituzionalizzato il sospetto: l’idea che non ci possano essere rapporti di parentela all’interno dello stesso dipartimento, il che ha portato a situazioni paradossali”.

Qualche esempio? “In una università del Sud è stato istituzionalizzato uno “scambio”: in una facoltà giuridica è stata istituita una cattedra di storia greca e in una facoltà letteraria una cattedra di istituzioni di diritto pubblico. Entrambi i titolari erano i figli di due professori delle altre università. Credo che questo sia uno scandalo e che lo sia il fatto che si sia stati costretti a fare questa operazione; se tutto avvenisse in trasparenza, la legge che nasce dalla logica del sospetto è una legge sbagliata” – ha dichiarato Cantone.

E voi che ne pensate? Nelle vostre facoltà universitarie ci sono casi sospetti? Ritenete corrette le dichiarazioni di Cantone?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi