Una ricerca universitaria ci dice come i bambini preferiscono ricevere il cibo

Una recente ricerca del Future Consumer Lab si è domandata in che modo i bambini preferiscono ricevere il proprio cibo, e se privilegiano sia servito in un modo particolare, e ancora se il loro sesso e la loro età fanno la differenza.

“Come ricercatore, ho ascoltato in modo anonimo i genitori, rilevando che i loro figli preferiscono avere il cibo servito in un modo particolare, incluso un ordine specifico. Ma non abbiamo molte conoscenze basate su prove su come i bambini ordinano e mangiano il loro cibo, il che è molto importante quando, ad esempio, vogliamo che i nostri figli mangino più verdure o mangino il loro cibo in generale” – afferma la Prof.ssa Annemarie Olsen del Future Consumer Lab, presso il Dipartimento di scienze alimentari dell’Università di Copenaghen.

Oltre ad essere un aiuto per i genitori, inoltre , la ricerca può essere utilizzata per ottimizzare i programmi pasto nelle scuole e i pasti che vengono consegnati agli alunni da fornitori esterni.

Introdotto ciò, i ricercatori hanno chiesto a 100 scolari, di età compresa tra 7 e 8 e 12-14 anni, di stilare un elenco prioritario di foto di sei piatti diversi serviti in tre modi diversi: 1) con il cibo presentato separatamente in modo che non si tocchi l’un con l’altro; 2) come un mix di ingredienti separati che sono stati mescolati insieme; 3) con tutto il cibo mescolato.

Ebbene, dalla prioritizzazione dei bambini delle foto visualizzate, i ricercatori hanno potuto vedere quale presentazione del cibo preferivano e quale stile di servizio privilegiavano. Lo studio ha così mostrato che le bambine più giovani (7-8 anni) preferiscono lo stile di servizio separato, mentre i ragazzi della stessa età non hanno una preferenza su come può essere organizzato il cibo. La ricerca mostra anche che i giovani tra i 12 e i 14 anni preferiscono che il cibo sia miscelato insieme o servito come un mix di ingredienti separati e misti.

La ricerca non dice perché le ragazze più giovani preferiscono avere il cibo servito come ingredienti separati. “Un suggerimento potrebbe essere che credano che i diversi ingredienti potrebbero contaminarsi a vicenda. Ma potrebbe anche essere che preferiscano mangiare i diversi elementi in un certo ordine o avere una panoramica migliore del piatto”, afferma Annemarie Olsen.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi