Andare all’Università armati si può (almeno, nel Kansas)

Si può andare all’Università armati, a patto che siano nascoste. La particolare disposizione è ora in vigore nel Kansas, dove una “vecchia” legge del 2013 è entrata in applicazione, permettendo agli studenti over 21 che frequentano i college (e in generale tutti gli edifici pubblici), e ai loro professori, di poter introdurre delle pistole nei campus dove vivono, e in classe. Chi invece non può portare con se le pistole, sono gli studenti stranieri che sono in possesso di una non immigrant visa, e chi è sotto l’effetto di alcol e di droghe.

Ad ogni modo – per quanto non rappresenti certamente una nota di merito – viene previsto che i college in cui sarà possibile applicare una simile misura (evidentemente, molto criticata e discussa) sono solamente quelli che risultano essere sprovvisti di adeguate misure di sicurezza, come i metal detector e le guardie private. Inoltre, è fondamentale che l’arma sia nascosta, poichè nel caso in cui risulti visibile, sarà la polizia a intervenire.

Ancora, la legge prevede che le pistole possano essere vietate in occasione di eventi sportivi o di altro genere, e prevede altresì che le singole Università possano limitare altri tipi di armi diverse dalle pistole.

Come anticipato, una simile legge non ha certamente evitato ondate di critiche, tanto che alcuni docenti si sono spinti a lasciare l’Università, poichè non desiderano fare lezione a studenti armati.

Un recente approfondimento curato da Il Fatto Quotidiano ricorda che all’interno delle Università del Kansas, il 59 per cento degli studenti ha meno di 21 anni, il 9 per cento è straniero, l’8 per cento vive nel campus. Ne deriva che, in termini prettamente numerici (che comunque non impattano sulla sostanza di un simile provvedimento) ad essere interessati da un simile provvedimento sarà meno di uno studente su dieci.

Emerge altresì che con il Kansas, salgono a una decina gli Stati americani in cui gli studenti possono portare le pistole all’interno della propria classe: un simile provvedimento è infatti già in vigore in Texas, in Colorado, in Idaho, in Georgia, in Mississippi, nello Utah, nel Wisconsin e nell’Oregon. Il primo Stato a introdurre una simile norma è stato lo Utah, nello stesso anno – il 2007 – in cui vennero uccise 32 persone all’interno del Virginia Tech.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi