5 consigli per i docenti che vogliono migliorare la propria efficacia

Cropped man and woman using electronic device free image

Cropped man and woman using electronic device free image

Il ruolo del docente non è facile – lo sappiamo molto bene! – ma fortunatamente ci sono alcune cose che si possono fare per poter migliorare la propria efficacia.

In primo luogo, è bene organizzarsi e sviluppare un sistema ben pianificato. Bene dunque preparare le lezioni con il giusto materiale didattico, e mettere a disposizione degli studenti ciò che serve realmente, tralasciando il superfluo.

Quindi, fornisci aspettative chiare e applica regole certe. Collega alle regole i comportamenti desiderati e non desiderati. Sottolinea i lati positivi quando gli studenti fanno qualcosa di giusto e collaborativo, e stabilisci coerenti aspettative fin dall’inizio. Dai un po’ di tempo per permettere lo sviluppo delle regole di classe, magari una settimana, o un paio di settimane, fino a quando non conoscerai davvero i tuoi studenti. Usa regole che indichino il comportamento o le azioni desiderate (ed evita di dire agli studenti cosa non fare). Definisci le regole della classe con tutti i dettagli richiesti dagli studenti e aiutali a capire il significato delle parole attraverso la discussione.

Quindi, modella le aspettative dei tuoi studenti. Modella interattivamente come completare un’attività o un compito. Ricorda poi dire sempre quello che pensi e pensare quello che dici: se fai una richiesta a uno studente, segui la richiesta. Se non riesci a soddisfare la richiesta, evita di fare la richiesta. Conosci te stesso e modifica le tue aspettative per te stesso e per i tuoi studenti di conseguenza.

Infine, usa immagini e gesti. Conosci i tuoi studenti e scegli le immagini e i gesti adatti all’età, arricchendo in questo modo la gamma di elementi verbali e non verbali che renderanno ancora più efficace la tua comunicazione nel tempo.

E tu che ne pensi? Quali ritieni siano i migliori suggerimenti da condividere con tutti i docenti nella tua stessa situazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi