Migliorare l’impegno all’Università: prova a scrivere la lista dei successi!

Molti dei nostri lettori sono probabilmente fan della scrittura di lunghe liste di “cose da fare”. Il concetto alla base di questo strumento è d’altronde semplice: basta scrivere tutte le cose che devi fare e spuntarle man mano che le fai. Facile, no? Eppure, non è affatto facile. Se lo fosse, staremmo tutti usando questo sistema.

Cosa succede invece quando la lista delle cose da fare ti travolge e ti lascia con gli occhi spalancati e a piagnucolare nel tuo taccuino piuttosto che a mordere il freno per passare all’azione? L’antidoto è l’anti lista delle cose da fare! Cioè?

Una ricerca condotta da Harvard Business Review ha studiato i modi migliori per alimentare l’innovazione tra i team di comuni scienziati, marketer, programmatori e altri lavoratori della conoscenza. La ricerca ha scoperto che le persone innovative sono guidate dal potere del progresso e dal celebrare le vittorie quando accadono.

La ricerca ha notato che i lavoratori della conoscenza tenevano diari approfonditi della loro giornata lavorativa e i ricercatori hanno notato un fenomeno che hanno etichettato come “principio del progresso“. Secondo i diari, di tutte le cose che aumentavano la conoscenza, la motivazione e l’umore dei lavoratori durante una giornata di lavoro, il singolo fattore che aveva il maggior impatto era fare progressi in un lavoro significativo. Più progressi facevano i lavoratori e la frequenza dei giorni in cui si notavano progressi, più le persone avevano probabilità di essere creative, produttive e quindi innovative a lungo termine. La ricerca ha stabilito che le vittorie quotidiane, anche quelle piccole, hanno fatto sì che i lavoratori si sentissero diversi nel modo in cui si sentivano e si comportavano.

In poche parole la ricerca è di buon senso: fare il lavoro, fare progressi, festeggiare la vittoria = sentirsi più felici e più produttivi. La parte di questa equazione che è la più difficile da padroneggiare è fermarsi a festeggiare o addirittura notare la vittoria. A volte ci si può sentire così sopraffatti da tutto ciò che si deve fare in un giorno che si completa una cosa e poi si passa rapidamente alla successiva senza fermarsi ad apprezzare ciò che si è appena raggiunto.

Questo è uno dei motivi per cui molte persone adottano delle tecniche ad hoc, come la Tecnica del Pomodoro. Quando ci si costringe a concentrarsi su un compito e un solo compito, quando lo si completa e lo si annota, è lì, nero su bianco, per vedere cosa si è raggiunto. Piuttosto che essere tirati in tutte le direzioni e avere la sensazione di non fare alcun progresso tangibile, concentrarsi su una sola attività permette di lavorarci sistematicamente, portarla a termine e poi provare un senso di realizzazione una volta che è stata fatta e si sta lavorando al prossimo Pomodoro.

L’esempio di Febreeze

Un altro esempio del potere di celebrare i risultati e le vittorie è evidente nella campagna di marketing per Febreeze. Quando Febreeze è stato lanciato come antidoto a tutti i cattivi odori domestici, il team di marketing della Proctor and Gamble ha voluto fare una canzone e una danza sul potere del prodotto. Attraverso il beta testing delle prime formule del deodorante per la casa e dello spray per la rimozione degli odori, l’azienda fu in grado di notare che il prodotto non solo funzionava, ma funzionava meglio di qualsiasi altra cosa là fuori. Hanno dato una bottiglia della formula a una donna che lavorava come ranger del parco e spesso catturava le puzzole come parte del suo lavoro. Ogni giorno tornava a casa e i suoi vestiti da ranger erano invasi dal fetore delle puzzole. Era nei suoi capelli, nell’auto, in casa e stava influenzando la sua vita sentimentale. Amava il prodotto così tanto che è scoppiata in lacrime per come ha cambiato la sua vita e le ha permesso di socializzare di più senza la paura dell’odore di puzzola.

Il marketing di Febreeze nei primi tempi era tutto incentrato sul mascherare gli odori; odori di cani e gatti, attrezzature sportive, scarpe da ginnastica. Le pubblicità ci raffiguravano mentre spruzzavamo tutte le cose puzzolenti intorno a noi. Febreeze non stava vendendo così bene come avrebbe dovuto per qualcosa di così potente che poteva mascherare gli odori più forti.

Così i ricercatori iniziarono a testare il prodotto con un gruppo di controllo che veniva osservato in video o di persona mentre usava il prodotto. Ben presto, attraverso la ripetizione dell’osservazione delle abitudini e dei comportamenti del gruppo di controllo, i ricercatori hanno scoperto un comportamento comune che potrebbe essere la risposta al loro problema di marketing. Alla fine della sessione di pulizia, una volta che il gruppo di controllo aveva passato l’aspirapolvere e lavato i pavimenti, spruzzato i cuscini, spolverato le superfici e riordinato gli oggetti, tendeva a stare fermo, guardarsi intorno, fare un respiro profondo ed emettere un sorriso soddisfatto. Un momento “Ta dah!” per mostrare che tutto era finito e che erano felici.

Ognuno celebrava il suo duro lavoro con una rapida scansione dei suoi risultati e un momento fugace per celebrare la sua vittoria. Questo momento è diventato il nuovo obiettivo per il marketing di Febreeze. La nuova campagna ritraeva i proprietari di case che terminavano le loro pulizie, spruzzando rapidamente Febreeze, facendo un profondo respiro di soddisfazione (all’odore del Febreeze) e poi sorridendo. Questo spunto e questa ricompensa hanno messo Febreeze sulla mappa della vendita al dettaglio perché corrispondeva al nostro tipico comportamento umano.

Scrivere le proprie vittorie

Scrivere quotidianamente le proprie vittorie è un esercizio meraviglioso. Per alcuni fa anche parte di una lista di gratitudine e può aiutare ad allontanare i rischi della procrastinazione.

Prendersi il tempo di scrivere le tue vittorie di ieri, della settimana scorsa, del mese scorso, dell’anno scorso o anche della tua vita (se ti senti davvero in un buco nero e hai bisogno di uscirne) ti mostrerà che sei stato un vincitore in passato e che puoi esserlo ancora. Forse potresti riportare la tua mente ad un momento proprio come questo. Quando è stata l’ultima volta che hai procrastinato così tanto? Cosa hai fatto per uscirne? Quali sono state le circostanze e i risultati? Alla fine sei riuscito a risolvere il problema? Se sì, come hai fatto?

Scrivi tutte le volte che hai davvero procrastinato ma alla fine hai agito e hai fatto progressi.

Forse è stata quella volta a gennaio, dopo un Natale pesante, che hai finalmente deciso che ne avevi abbastanza, ti sei allacciato le scarpe da ginnastica e sei andato a una lezione in palestra.

Forse potresti ricordare una volta in cui avevi davvero bisogno di consegnare quella relazione per il lavoro e l’hai rimandata per così tanto tempo. Eri così stressato, ma alla fine hai trovato il tempo, hai agito e hai completato l’importante compito.

Non importa quanto grandi o piccole siano state queste azioni in passato, il punto è di elencarne il maggior numero possibile. Suggerisco di impostare un timer per questo esercizio.

Passo 1

  • Prendi un pezzo di carta e fai due colonne
  • Imposta un timer per 10-15 minuti al massimo
  • Nella prima colonna di sinistra, scrivi ogni battaglia che hai avuto con la procrastinazione. Continua a scrivere e cerca di non pensarci troppo. Quali cose hai bloccato in passato e ti hanno causato ulteriore stress? Scrivi quante più cose possibili nel tuo limite di tempo

Passo 2

  • Quando il tuo timer si ferma, dai un’occhiata alla tua lista
  • Chiediti quali cose spiccano? Su quali compiti hai procrastinato in passato? Ci sono degli schemi?
  • Cerchia 3 momenti chiave della lista che ti sono rimasti impressi. Cerchia 3 vittorie di cui sei particolarmente orgoglioso. Forse senti di nuovo quel sollievo solo leggendoli, che sei stato in grado di superare il ritardo e raggiungere il tuo obiettivo. Scegli i momenti che ti fanno sentire bene

Passo 3

  • Imposta di nuovo il tuo timer per 5 minuti al massimo
  • Nella colonna di destra, accanto ai tre momenti chiave che hai delineato, scrivi qual è stata la tua motivazione per agire finalmente? Come ti sei sentito in quel momento? Cos’è stato che ti ha fatto uscire dall’inazione e ti ha spronato a iniziare? Come hai raggiunto questo obiettivo?

Passo 4

  • Guarda le tue risposte. Prenditi un momento per apprezzare come hai superato tutto questo in passato. Come hai superato questi momenti che prima minacciavano di far deragliare i tuoi progressi?
  • Cosa puoi prendere da questo esercizio che ti ispirerà all’azione proprio adesso? Come hai fatto in passato? Qual era il tuo piano di battaglia? Come l’hai eseguito e ti sei tirato fuori dalla terra di nessuno?

Passo 5

  • Ricordandoti di quella volta in cui hai agito e hai vinto, come puoi incanalare come ti sei sentito in quel ricordo per iniziare proprio ora?

La lista Ta-Dah (piuttosto che la lista To-Do)

Quindi, una volta completato l’esercizio di cui sopra, sarai pienamente consapevole delle tue vittorie precedenti. Avrai notato i modelli di comportamento che ti hanno spinto all’azione e si spera che questo abbia cementato nella tua mente che sei abile a sbloccarti! Ricorda sempre – l’hai fatto prima e puoi farlo di nuovo.

Ora, mentre inizi i tuoi compiti di oggi, invece di scrivere una lista di cose da fare di tutto ciò che devi fare, perché non iniziare a raccogliere una lista di ta-dah, una lista celebrativa in cui si tiene traccia di tutto ciò che si è raggiunto nella giornata, piuttosto che guardare una lunga lista di cose da fare e sentirsi scontenti e infastiditi che ci sia così tanto da fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi