Diventare osteopata? Ecco come si fa

4 unistudenti.itVuoi diventare osteopata, ma non sai come fare? Quello della formazione in osteopatia è un ambito in fase di profonda evoluzione a seguito dell’approvazione nel 2018 della Legge Lorenzin, di cui però ancora non sono stati resi noti i decreti attuativi. Una situazione che ha contribuito a creare ulteriore confusione in un settore relativamente giovane e ancora poco conosciuto nel nostro Paese.

La figura dell’osteopata professionista, infatti, in Italia ha ottenuto solo di recente il riconoscimento ufficiale di figura sanitaria, benché già da diverso tempo l’OMS abbia riconosciuto ufficialmente l’osteopatia come medicina complementare. Ben diversa è la situazione all’estero e principalmente nei Paesi anglosassoni dove l’osteopatia ha ottenuto il giusto riconoscimento già da diversi decenni e dove le principali università hanno attivato corsi di laurea in osteopatia.

Come diventare osteopata in Italia?

In Italia, attualmente, la formazione in Osteopatia è esclusivamente di carattere privato e

occorrerà aspettare la definizione dell’iter di attuazione della Legge Lorenzin per poter studiare osteopatia all’università, e nel frattempo per diventare osteopata occorre seguire un corso specifico attivato presso una delle tante scuole e accademie di Osteopatia italiane, come ad esempio quelli organizzati dall’Accademia Italiana di Medicina Osteopatica AIMO.

AIMO opera in collaborazione con l’University College of Osteopathy (UCO) di Londra, una delle più importanti realtà formative in Osteopatia del mondo, garantendo ai propri studenti titoli di studio spendibili sia in Italia che all’estero.

Se aspirate a intraprendere la carriera di osteopata, i corsi organizzati da AIMO sono la soluzione giusta per voi, poiché – grazie alla validazione della UCO di Londra – consentono il conseguimento di titoli di studio riconosciuti con  rilascio dei crediti universitari europei (ECTS).

Corsi per diventare osteopata

Per diventare osteopata occorre seguire un corso quinquennale con frequenza full time o part time, più un tirocinio clinico. Una volta conseguito un titolo di studio abilitante, è possibile intraprendere la carriera di osteopata professionista.

I corsi di osteopatia prevedono lo studio di discipline di ambiti diversi. Si studieranno scienze mediche (anatomia, biomeccanica, neurologia, istologia, fisiologia, ecc) e scienze osteopatiche con discipline caratterizzanti il corso di studi.

I corsi AIMO prevedono un’alternanza tra lezioni teoriche e pratiche e si completano  con un tirocinio clinico da svolgersi in loco presso il Centro di Formazione e Tirocinio Osteopatico (CTFO) annesso alla scuola di specializzazione. Il tirocinio clinico è una parte fondamentale dei corsi AIMO, poiché consente agli studenti di completare la propria formazione pratica, oltre, che teorica.

 

Osteopatia: quali sbocchi lavorativi?

Quella dell’osteopata è una carriera che garantisce numerosi sbocchi professionali, vediamo i principali:

  1. Lavorare presso cliniche specialistiche e centri di riabilitazione.
  2. Lavorare in studi medici specialistici, poiché l’osteopatia è molto apprezzata per il trattamento di patologie geriatriche, in ambito pediatrico, ginecologico, etc.
  3. Lavorare in ambito di medicina sportiva. Sono sempre più numerose le società sportive che comprendono un osteopata e nel proprio staff medico.
  4. Lavorare come libero professionista.
  5. Insegnare presso scuole specialistiche.

 

Cinque buone ragioni per sceglie di intraprendere un corso di studi che vi consenta di diventare osteopata professionista. Cinque buone ragioni per scegliere un corso AIMO per prepararsi al meglio alle sfide di questa professione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi