Brexit priverà le università inglesi di giovani talenti?

La Brexit allontanerà i giovani talenti dalle università inglesi? Secondo un dossier del Guardian, potrebbe essere così. Il noto giornale ha riportato – tra i tanti casi – quello di un professore di giurisprudenza, Geert van Calster, generalmente abituato agli approcci degli studenti europei che desiderano fare un dottorato in Gran Bretagna. Tuttavia, con la Brexit incombente, il percorso si sta invertendo e, poche settimane fa, racconta al Guardian ha avuto una sorpresa: uno studente di dottorato iscritto a un’università britannica lo ha contattato per dire che aveva cambiato idea.

Calster, un professore dell’Istituto di diritto europeo dell’Università di Leuven, spiega che lo studente “aveva già iniziato il dottorato in Gran Bretagna, ma la sua qualifica potrebbe non essere riconosciuta in Europa dopo la Brexit”.

Di qui, una riflessione più ampia. Molti dei migliori accademici europei che lavorano in Gran Bretagna sono in realtà stati giovani studenti di dottorato arrivati da ogni parte d’Europa. E ora le università locali temono che la ricerca sia a rischio a causa di un calo delle domande da parte dei candidati di dottorato di ricerca dall’Unione Europea.

I primi dati delle università del Gruppo Russell rivelano peraltro un calo del 9% degli studenti non britannici dell’UE che iniziano i corsi di ricerca post-laurea nel 2017-18, rispetto allo scorso anno. Complessivamente il 16% degli studenti di dottorato di Russell Group proviene dall’UE, ma sale al 27% per la matematica, il 22% per l’informatica e il 19% per le scienze fisiche. Michael Arthur, presidente e dello University College di Londra, afferma ancora sul Guardian di sentirsi sollevato dagli annunci di dicembre del governo May, che offrivano “status stabile” per gli europei che erano già presenti sul territorio, e il riconoscimento che i suoi ricercatori possono lasciare il Paese e lavorare altrove per un massimo di cinque anni senza perdere questo status.

Tuttavia, molti ricercatori e studenti europei temono ancora per il proprio futuro. “Cerco di rassicurare gli accademici, ma ci vuole tempo per ricostruire la fiducia. Ci fu un lungo periodo in cui i cittadini europei sentivano di essere usati come moneta di scambio. Ciò ha eroso la fiducia” – ha proseguito il presidente, che ha poi rammentato che “subito dopo il voto sulla Brexit, la maggior parte di noi ha pensato che ci sarebbe stata una sorta di approccio coordinato e prevedibile. Ma l’impressione che le cose siano sotto controllo e le persone siano ragionevoli non è più valida”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi