11 set

Marijuana e cancro ai testicoli. Esiste un legame?

Scienza e Ricerca - Uno studio dell'University of Southern California ipotizza un rischio doppio di tumori testicolari per chi consuma marijuana

Marijuana e cancro ai testicoli. Esiste un legame?

E’ oramai da un intero secolo che la discussione sugli effetti della marijuana sull’uomo viene portata avanti da scienziati e medici di tutto il mondo, con risultati che si alternano equilibratamente tra esiti positivi e negativi.

Un nuovo tassello in questo mosaico, apparentemente senza fine, lo pone l’University of Southern California in un suo studio specifico incentrato sul collegamento tra il consumo di cannabis – e dunque dei maggiori principi attivi che la compongono: i cannabinoidi – e lo sviluppo di tumori nell’essere umano.

Ebbene, secondo i ricercatori americani i consumatori abituali di marijuana andrebbero incontro ad un  rischio doppiamente maggiore di maturare un tumore ai testicoli rispetto a chi non ne fa uso.

"Gli uomini che nella loro vita hanno fatto usa di marijuana - affermano i ricercatori dell’Ateneo californiano - hanno una probabilità doppia di sviluppare delle forme di tumore al testicolo, i seminomi e i tumori a cellule germinali miste".

Inoltre lo studio ipotizza il riscontro di questi effetti anche sui pazienti più giovani che fanno uso di cannabis e di suoi derivati per fini terapeutici.

"Ipotizziamo che il legame tra la droga e il tumore ai testicoli possa essere causato dal sistema degli endocannabinoidi, - spiegano gli scienziati - la rete cellulare che risponde al principio attivo della marijuana, dal momento che questo sistema è stato già dimostrato essere importante nella formazione degli spermatozoi".

Il cancro testicolare è il più comune, nella categoria dei tumori, fra i maschi di età compresa tra i 15 e i 45 anni.

[ 11/09/2012 - Andrea Valiante ]

Uni Flash

Tecnologia

Uniblogger